Dedicato alla memoria di Yoshinobu Nishizaki

Intervista a Noburo Ishiguro. Parte 2



Parte 2
Tre dei miei colleghi che hanno lavorato con me in Dokonjo Gaeru (Gutsy Frog, 1972-74) hanno collaborato in episodi 3 o forse 4 di Yamato, Durante questo tempo, ho provato una configurazione molto elaborata con la fotocamera che abbiamo chiamato "skip fotografia." Abbiamo sempre pensato a nuovi esperimenti, ma questo mi ha fatto quasi licenziare dal signor Nishizaki.
C'era un sacco di pressione sull’utilizzo della fotocamera per mantenere le riprese in movimento, e il segnale è stato che questo metodo ha avuto effetto tre volte più del solito. (Nota della redazione: Ishiguro è descrivere l'ultima scena nell’ episodio 3, in cui Yamato sale di distanza dalla nube a fungo. Primo piano e livelli di sfondo, sia zoom a velocità diverse, il che significa che doveva essere abbattuto separatamente su uno stesso stock film. Questo ha richiesto molto più tempo e precisione di una scena ordinaria.) Con il tempo come abbiamo fatto poi in Yamato 2, saremmo stati in grado di realizzare questi scatti con facilità, ma allora c'era poco che potessimo fare con le carenze della fotocamera.

A mio parere, un anime è un’arte collaborativa e Yamato non sarebbe stato così popolare senza la preziosa collaborazione del signor Matsumoto e del signor. Nishizaki. È in virtù del signor Matsumoto se ho avuto modo di incontrare la gente meravigliosa di Studio Nue. Avevo già conosciuto alcuni di loro per via del loro mecha design su Zerotester. Kazutaka Miyatake era il loro artista principale e Kenichi Matsuzaki era il loro uomo PR. Erano grandi maniaci SF.
Abbiamo sviluppato un modo di dire, "Yabunue" invece di "yabuhebi". Quando sono arrivati entusiasti, hanno creato i meccanismi più complicato che purtroppo non siamo riusciti a gestire. (Note del traduttore: "Yabuhebi" è una espressione abbreviata di un vecchio proverbio, che significa sostanzialmente "Non svegliare il cane che dorme." "Yabunue" è gioco di parole con il nome di "Studio Nue.") Su altri Anime, alcuni animatori si sarebbero presi la libertà di omettere piccoli dettagli nei disegni, ma Yamato è diventata per molti una serie su cui impuntarsi, perché abbiamo spinto noi stessi a mantenere tutto intatto.
Dopo due o tre mesi dall’inizio della messa in onda, i fan cominciarono a fare frequenti apparizioni allo studio, pieni di curiosità e di stupore. Noi non lo sapevamo, ma è stato uno dei primi segnali di quello che sarebbe stato il prossimo anime boom. C'erano ragazzi entusiasti che sono venuti in aereo da Kyushu, abbiamo dato loro in segno di affetto per il loro entusiasmo cels e campiture come souvenir. Quei cels ora hanno lo stesso valore della droga di strada, ma in quei giorni erano solo uno spreco di spazio.
Diverse persone sono venute a visitare lo studio di registrazione e un aumento graduale si è verificato con il boom del doppiaggio, tantoché per l'episodio finale, nello studio vi erano non meno di 40 persone, quasi un evento pubblico.

Mr. Nishizaki amava le riunioni. Sembrava che le volesse solo perché si annoiasse e cercasse qualcosa a cui pensare, a volte si andava tutti i giorni e si rimaneva li fino a notte inoltrata. A farne le spese fu soprattutto il signor Matsumoto, in quei mesi diventò emaciato dalla prova, tuttavia era pieno di iniziativa, sarebbe venuto in produzione con 50 nuove idee per le armi, la prova di quanto ho detto è riscontrabile nell'episodio 22, quando il teletrasporto Gamilas: lo SMITE, ha tormentare la Yamato. Nella serie si sono avvicendate un gran numero di idee in ogni episodio, arricchiate da una gran quantità di particolari. Il dipanamento dei dati è un elemento indispensabile per una SF.
Matsumoto è stato legato con un carico di lavoro sovrumano, sopratutto quando siamo arrivati a Yamato 2 e il signor Nishizaki scompariva a fare le sue cose (pubbliche relation, conferenze etc etc), e questo ha influito molto sulla sua condizione fisica, anche perché ha dovuto sobbarcarsi la responsabilità di compensare quel tipo di competenze a lui estranee di alcuni dei veterani che avevano giocato un ruolo attivo nella prima serie e che ora non lavoravano alla seconda.
Ciò che rimase invariato fu il cast di doppiatori, che è sempre stato ricco di veterani e sempre armonioso. Il nostro produttore di rete Mr. Fukuo è stato un fan di Scienze Fiction, così ho potuto parlare con lui senza costrizioni, questo è stato divertente. Grazie alla presenza di molti nuovi artisti, Yamato 2 è stato ringiovanito per farla apparire come 5 anni prima.
La fine della serie è stata raggiunta senza il suicidio di Kodai e con il segno di saluto che chiudeva la serie. Questa era l'idea che il signor Matsumoto aveva fin dall’inizio, e per cui ha sempre protestato contro l'attacco Kamikaze della fine del film e che ci ha permesso di fare un sequel dopo Yamato 2.
Quando si parla del boom degli anime, è necessario menzionare Yamato per prima. In principio, il film della la serie è stato montato con la funzione di essere venduto in America, per questo motivo, è stato necessario cambiare parte della sceneggiatura realizzando nuove e animazione. Si diffuse la voce tra i fan che stavamo facendo questo, e loro volevano vedere. Ho una grande ammirazione per la capacità adoperata dal signor Nishizaki di vendere ai teatri giapponesi e realizzare un grande boom di conseguenza.

E 'stato sicuramente il lavoro dei fan dell’ anime e la loro devozione a Yamato che hanno fornito le basi per il punto di accensione, ma è stato il signor Nishizaki che integrata, che nella sua strategia di abile e lo ha utilizzato la grande conquista. Non posso fare a meno di pensare che il vero lavoro di un produttore è quello di combattere una battaglia solitaria. Mi sento più come un lupo solitario, che non possono competere con il produttore di una grande organizzazione.
Intervistatore:A che punto venne deciso di ridurre il numero degli episodi?
Ishiguro: Credo che sia stato novembre [1974].
Intervistatore: Dovevano essere accadute un sacco di cose a quel tempo.
Ishiguro: Il programma di produzione ha bisogno di un tempo di realizzazione di circa due mesi, altrimenti non si può finire un episodio in tempo. Se la serie avrebbe dovuto concludersi alla fine di marzo, la decisione deve essere presa entro la fine dell'anno, perché la storia deve essere determinata un mese prima di tale momento.
Intervistatore: Chi ha deciso su ciò che sarebbe stato l'episodio finale?
Ishiguro: fu di Eiichi Yamamoto l'idea di quel finale per rilanciare Yuki. Tuttavia, avrei voluto avere la possibilità di elaborare meglio la morte di Dessler, ma non abbiamo avuto tempo. 26 episodi erano troppo pochi. Finirlo con una esplosione è stato troppo semplice. Abbiamo dovuto dire poi che la sua nave stava entrando in curvatura quando è stato colpito, e come risultato è rimasto impigliato tra le dimensioni. Avremmo potuto ucciderlo in un modo molto più speciale, ma era troppo tardi.
Intervistatore: Yamato è stata una serie bellissima, che ricordo hai di quell’esperienza?
Ishiguro: E 'stato doloroso: un lavoro in salita. E 'stato come scalare le montagne Nishizaki, che tutti chiamavamo Yamato. Abbiamo avuto un sacco di lotte e incontrato un sacco di ostacoli. Alcuni membri dello staff avevano continui esaurimenti nervosi, e io avevo seriamente pensato di smettere per tre volte di fila, ma adesso quando mi guardo indietro, penso che abbiamo realizzato qualcosa di veramente buono.
Yamato è stato il primo anime a cui avevo partecipato fin dall'inizio, quindi è per questo che gli ho dedicato tutte le mie energie. Ero determinato a fare tutto il possibile.
Intervistatore: Sei stato un disegnatore di manga prima di entrare nel mondo degli anime?
Ishiguro: Sono nato nello stesso anno di molti altri che fanno manga, Leiji Matsumoto compreso. Ho fatto il mio debutto a 17 anni quando la mia prima opera è stata pubblicata. E 'stato un po' come Yamato, così sono stato in grado di adattarmi allo stile di Matsumoto.
Intervistatore: E 'stato detto che le storie dedicate al mare e le storie spaziali non sono molto popolari negli Anime. Non la preoccupa?
Ishiguro: avevo sentito queste voci, ma non era interessato a questo proposito. L'unica cosa a cui ho pensato di preoccuparmi era che stavo facendo qualcosa che mi piaceva.
Intervistatore: Il primo episodio sembrava abbastanza fresco di idee rispetto agli Anime convenzionali. C'era una tecnica speciale?
Ishiguro: avevo già pensato alle cose che volevo fare su una serie di SF. Ho voluto provare una particolare prospettiva, dove il primo piano e lo sfondo si muovono separatamente. Lo si vede nel primo episodio, quando la flotta Gamilas vola verso la telecamera e quando la nave di Okita vola verso Marte. Si vede di nuovo alla fine dell’episodio 3 quando la Yamato vola via dal fungo atomico. Se è fatto bene, ha un movimento molto pulito e liscio, ma è complicato da fotografare perché richiede delle maschere. Ci sono voluti un giorno intero per una sola scena e un costo di circa $ 3.000. Così non abbiamo potuto fare tutte le volte che volevo.
Intervistatore: Qual è stato il motivo per il cambiamento di colore della pelle Gamilas?
Ishiguro: E 'stato per una semplice questione di interesse. Il colore della pelle umana non era molto interessante. Abbiamo provato diversi colori e anche se ci fu una certa resistenza, abbiamo deciso di andare con il blu dall'episodio 11 in avanti. Abbiamo voluto dare la sensazione che Dessler si muovesse su un riflettore colorato, ma non ha funzionato troppo bene in TV.
Intervistatore: E 'stato detto dopo un po' che Yamato deve il suo successo al fascino del lavoro di Leiji Matsumoto, ma ho sentito fortemente che ci fosse di più. Cosa ne pensi di questo?
Ishiguro: Se Yamato emana un'impressione diversa da quella di altri anime, non è che a causa del punto di vista del produttore. Se è una società di produzione, di solito sono le opinioni delle persone che formano lo staff  a contare alla fine. Qui le cose sono differenti. 
Mr. Nishizaki è il tipo di persona che ama seguire il sistema di lavoro individuale. A volte questo può essere un male, ma è possibile avere un buon risultato. Tutti i più grandi successi di Hollywood in questi giorni sono la visione di un produttore. Mr. Nishizaki ci ha detto la sua visione della Yamato, e ha dato a tutti noi un modo per concentrare i nostri pensieri. Questo è un buon esempio da seguire. Mi piacerebbe avere quel lavoro! (Ride)
Intervistatore: Che cosa si è guadagnato dall’esperienza di lavorare su Yamato?
Ishiguro: Mi è piaciuto molto lavorare con il signor Matsumoto e gli artisti molto competenti dello Studio Nue. Il mecha design è una cosa, ma il potere che hanno portato su di esso ha dato vita reale. La combinazione è la perfezione. Dopo la Yamato, sarà molto difficile per me lavorare senza di loro. Tutti gli animatori sono grandi persone. Vorrei lavorare con loro ancora una volta con tutti i mezzi.
Fine


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Yamato: Vota la tua produzione preferita.

Vota questo blog

classifiche

Riconoscimenti

In classifica
Pagine dal 06 Marzo 2010



Il numero massimo di utenti collegati in un giorno è stato di 96 il 03/02/2011.
Il numero massimo di pagine visitate in un giorno è stato di 406 il 21/07/2012.
Immagini totali visitate 55168.