Dedicato alla memoria di Yoshinobu Nishizaki

Intervista a Noboru Ishiguro. Parte 1





Se dovessimo paragonare l’universo della Yamato con quello della realtà e assegnare i ruoli dell’equipaggio allo staff che ha realizzato la serie, le assegnazioni del personale sarebbero le seguenti.
Capitano: Yoshinobu Nishizaki, produttore. Primo ufficiale: Leiji Matsumoto, ingegnere direttore artistico Chief: Noboru Ishiguro, direttore animazione.

Il nome di Ishiguro dovrebbe essere ben noto ai fan di Yamato. Il suo contributo alla serie è altrettanto importante almeno come quello degli altri nomi appena citati. E’ stato suo il compito di gestire la produzione effettiva ad ogni livello. Questo significava avere la responsabilità del controllo del disegno come dello storyboard, della revisione dell’animazione e del fissaggio delle scene chiave, la rettifica e l’approvazione dei fogli modello, in esecuzione come di vigilanza dell' amministrazione della fotocamera, partecipare alle registrazioni mix e audio, e sempre a lui toccare di risolvere qualunque tipo di problema si presentasse prima della messa in onda dell’episodio.
Dopo tanti anni di distanza trascorsi da Yamato, Ishiguro è ancora al lavoro oggi, è diventato una leggenda nel mondo degli Anime. Il suo curriculum supera probabilmente quello di chiunque altro, ha iniziato l'attività ben prima di lavorare su Yamato continuandola per molto tempo ancora, il suo nome è legato quasi a tutto da Astro Boy a Macross.
King Kong, Frankenstein, e l'uomo invisibile sembrano essere le tre maggiori creazioni dei classici film di Hollywood, ma quali sono le tre maggiori creazioni di Anime? Certo Yamato è in questo campione di titoli.

In quest'intervista Ishiguro racconta la sua esperienza con Yamato.
"Naturalmente, nella produzione televisiva non hai il lusso di fare un episodio alla volta, perché occorre molto più di una settimana per finirlo. Così la vera capacità di un regista sta nel sapersi districare tra le difficoltà che si incontrano seguendo più episodi. Ciò di cui io vado fiero come membro dello staff di Yamato, è che non ho dovuto lavorare ad un’edizione a cartoni animati di un manga, ma di un progetto per la TV originale fin dall'inizio. Ovviamente Leiji Matsumoto era ben noto come fumettista prima di far parte dello staff e non ha portato il suo apporto alla serie solo come un narratore, ma anche come un supervisore, e non è esagerato dire la serie è stata un prodotto del suo lavoro.
E 'stato ai primi di giugno del 1974, accanto al caffè di Takizawa a Shinjuku, che ho sentito parlare per la prima volta di Yamato. Me ne accennò il signor Tatsuo Shibayama. Me ne ha parlato in questo modo:
"Sto lavorando per l'Accademia [Studio] ad un progetto che si chiamerà Corazzata Spaziale Yamato che andrà in onda a partire da ottobre. Leiji Matsumoto sta lavorando con noi e ha bisogno di un assistente, perché lui è un dilettante negli anime. Il signor Nishizaki è davvero entusiasta di fare il primo programma SF ".
Fare un programma di SF era stato il mio sogno sin da quando sono entrato nel mondo degli anime. Ero già stato coinvolto in alcuni anime robot, ma non mi piaceva la scienza imperfetta di questi programmi. Stava diventando apparentemente impossibile fare qualcosa di fantascientifico nel senso vero del termine.
Sono gli industriali di giocattoli i principali sponsor degli anime dei robot, veri e propri robot giocattolo e quindi veri e propri programmi-pubblicitari per negozi. Una volta ho incontrato il presidente di una delle case di giocattoli che ha detto: " è il robot l’autentico cuore del programma, non la storia, il vero punto è quello di mostrare ai telespettatori un combattimento per una mezz'ora al fine di vendere i giocattoli”. Sentirlo parlare così chiaramente, mi ha fatto arrabbiare.
Sul momento non avevo altra scelta che accettare, ma ho pensato che le cose avrebbero potuto migliorare se fosse stato possibile inserire delle reali Scienze Fiction in una serie TV di anime. Il mio interesse per questa nuova serie di Academy è stato suscitato dal coinvolgimento del signor Matsumoto, il cui lavoro era di grande atmosfera, e ho pensato che questo avrebbe potuto forse essere l'anime SF che stavo aspettando.
Il signor Matsumoto è un appassionato del suo lavoro, così quando l’Academy gli ha chiesto di unirsi a lui, ha prontamente accettato pensando che potesse finalmente fare un anime usando il denaro della produzione. Tuttavia il signor Nishizaki era ben noto per essere un produttore padrone, così si mise in discussione la storia senza esitazione. Il signor Matsumoto era entusiasta di fare anime e credeva di poter fare esattamente come voleva, tuttavia dovette ricredesi da subito, ma la tenacia è stata il suo forte. Poteva resistere al turno precedente di lavoro e reggere i duri scontri con il signor Nishizaki e pararli colpo su colpo.
Si potrebbe dire che la serie di Yamato è stata realizzata dalla potenza di due persone, ed è il risultato delle loro due tecniche messe a confronto. Ho raccolto tutte le mie energie per sfruttare al meglio le loro idee, ho dovuto buttarmi, perché il mio lavoro come regista d'animazione mi ha fatto un sovrintendente generale.
Tra l'altro, la posizione formale del signor. Nishizaki era quella del GP (Produttore generale) e noi a volte ci riferivamo a lui come il produttore Gamilas. Sembrava che il nostro soprannome calzasse a pennello al signor Nishizaki, a volte dicevamo "il produttore Gamilas è qui" quando entravamo in una stanza. A volte le sue richieste impossibili sembravano il colpo devastante che stava per essere inflitto alla Terra. D'altra parte, a me è stato dato il nomignolo di CD. (Si trovava per Direttore Responsabile, ma in realtà, avrebbe dovuto essere AD di Direttore di Animazione.)
Prima di tutto, abbiamo dovuto iniziare pensando a scegliere il character design, il sgnor Nishizaki era andato da Yasuo Otsuka, e aveva cercato di convincerlo a prendere la posizione di direttore artistico. Naturalmente non è successo, ma è divertente immaginare ... la Yamato di Otsuka ...
La prima grande lotta tra il regista e il produttore è stata quella di determinare i colori per i personaggi principali. Entrambi hanno convenuto che facilmente Susumu Kodai [Wildstar] doveva avere un colore rosso per l’ancora sul petto e uniforme bianca, ma il signor Matsumoto voleva che Shima [Venture] avesse l’emblema di colore blu sul bianco mentre il signor Nishizaki insisteva sul verde.
Nishizaki: "Perché Kodai è rosso, Shima dovrebbe essere blu. Se si desidera accostare il rosso e il verde, bisogna essere daltonici!"
Matsumoto:"Chi è daltonico?"
Ognuno di loro aveva un parere, blando e insignificante, oserei dire, ma alla fine si è fatto come voleva Nishizaki e Matsumoto ha dovuto arrendersi. E 'diventato più malleabile, e le specifiche di colore sono stati finalmente portati a termine diverse ore più tardi. Al termine della riunione il signor Matsumoto mi chiese: "...e la scelta dei colori sarà così difficile ogni volta?" E sono rimasto impressionato dalla quantità di sudore che ha tolto dal suo volto.
Non è possibile parlare di specifiche di colore senza menzionare il nostro direttore artistico, il signor Nobuhiro Okaseko. Ha controllato tutti i colori fissati dal signor Matsumoto e ha ordinato i colori per i corrispondenti cel. Abbiamo dovuto ridurre delicatamente la crominanza mescolandoli con il grigio. Questo ha dato una tonalità unica. Il tocco di Matsumoto ha portato in un tono caldo, e questa peculiarità l’ha resa un po 'diversa dalle sue altre opere.

E 'stato sul colore dello scafo della nave che il signor Nishizaki era particolarmente pignolo. Per esprimere il peso del metallo abbiamo ordinato speciali blu scuro e vernici nere che non erano mai stati utilizzate prima in una serie in TV di anime. Abbiamo vagliato un grande numero di nomi di colori di vernice prima di decidere sui colori della Yamato.)
I colori hanno continuato a cambiare dopo l’inizio della trasmissione. Una segnalazione arrivò da un mio amico che stava guardando su un televisore in bianco e nero. Ha detto che la Yamato sembrava fondersi nello spazio e diventare invisibile. L'unica cosa che è riuscito a distinguersi è stata la sporcizia "." (Anche se alcuni hanno detto che lo sporco dei rodovetri era una caratteristica speciale di Yamato.)
Tutto era causato dai ritardi nella pianificazione delle scene. La fotocamera è stata la più sporca in studio, e ciò si ripercuoteva irreparabilmente e in maniera costante sugli sfondi scuri dello spazio. Ero nervoso e continuavo ad andare avanti e indietro con le mie scarpe, così ho messo un giornale sul pavimento. Ogni volta che mi muovevo mi preoccupavo di alzare di più la polvere.
Torniamo all'inizio della storia.. La sede di produzione di Yamato era al secondo piano di un edificio in Sakuradai, lungo la ferrovia Seibu.
Office Academy è stato il nucleo della produzione e i nostri subappaltatori lavorano in parallelo. E 'stata una situazione in cui un supervisore artistico da solo non poteva seguire il quadro generale del lavoro, così chiesi al signor Okaseko di riassumere tutto per me, ma si ammalò e uscì poco dopo aver concluso il film pilota: è stata una perdita. (nota: Okaseko soffriva di ulcera sanguinante e ha dovuto essere ricoverato in ospedale proprio come la serie TV appena dopo l’inizio della produzione, vale a dire, nel momento peggiore possibile.)
Toyoo Ashida, un altro supervisore artistico, subentra a Okaseko e porta con sè diversi artisti che hanno lavorato con lui allo studio Mushi Production (di Osamu Tezuka), ma ho avuto dubbi su questa decisine, perché la maggior parte del lavoro svolto alla Mushi non aveva nulla a che fare con la fantascienza. Non ho avuto altra scelta che portarli a "bordo". Si può dire che navigavo letteralmente nel buio.Tuttavia, ho subito capito che avevo sottovalutato le loro capacità. La peculiarità del signor Ashida, sta nella forza di riuscire ad adattarsi velocemente alle abitudini di lavoro, anche con personale fresco che ha poca esperienza. Voglio scusarmi per aver dubitato di lui. Ha preso la direzione molto bene e ha risolto un sacco di problemi mantenendo la solidità dello stile.
Mi impegnai molto per rendere il mio primo anime scala SF. Credo di essere stato colui che ha ispirato la maggior parte dei sequel di fantascienza realizzati in seguito. Prima di tutto, ho dovuto imparare ad impostare lo stile di un'esplosione in condizioni di assenza di peso, in situazioni analoghe su un pianeta come il nostro, il fumo che sale da terra, ma un'esplosione nello spazio sarebbe sferico, perché non c'è l'alto verso il basso. Ci sono varie teorie su come potrebbe sembrare un'esplosione nello spazio,ma ogni produzione ha fatto un po come voleva. Noi soprattutto, abbiamo voluto rappresentare l'enorme scala di una guerra nello spazio, quindi abbiamo utilizzato grandi esplosioni appariscenti che duravano da tre a cinque secondi.
Purtroppo non ci è stata data sempre la possibilità di sperimentare nuove tecniche o teorie da apportare alla serie, c'era una persona (il GP?) all’interno della produzione la cui principale preoccupazione era quella di risparmiare denaro e non sapeva nulla sulle difficoltà del lavoro. Naturalmente, ho dovuto avere da lui il permesso di fare più riprese. Sembrava che ha lavorato solo part-time in ufficio. Una volta l' ho sentito al telefono con un'altra società che inventava scuse per il ritardo sul calendario:
"Mi dispiace per il ritardo. La produzione di Yamato è un lavoro duro e ci sono un sacco di riprese. Prego attendere un po'."
Ho dovuto sopportare l'insopportabile e quest’uomo scese con una scusa. Nonostante questo atteggiamento, ai fan furono comunque aperte le porte dello studio.
"Ho guardato Yamato, ma Heidi è meglio", hanno detto alcune delle ragazze, ed era difficile non piangere. Il nostro team è unito, arde dal desiderio di lavorare insieme su un capolavoro. Per alcuni era il loro unico mezzo per guadagnarsi da vivere. Ma Heidi delle Alpi era sempre davanti a Yamato.
Gli ascolti di Heidi sono stati schiaccianti in quei giorni. Ma un sacco di adolescenti e adulti hanno guardato con interesse alla nostra trasmissione e il signor Nishizaki era incline ad abbracciare questo fenomeno.
Le prove di matita per il primo episodio sono state completate in fretta e il doppiaggio si è svolto circa due settimane prima della messa in onda. Quando gli episodi 2 e 3 dovevano essere doppiati, solo circa il 15% del lavoro di disegno era stato fatto. Da lì in poi, tutti gli episodi sono stati filmati in bianco con le linee rosse e blu, e con gli indicatori di calendario per gli attori. Questa è la condizione peggiore per una produzione televisiva di animazione.
Il signor Matsumoto e il signor Nishizaki si sono scontrati di nuovo nell’episodio 2. Il signor Nishizaki aveva deciso di usare una tradizionale marcia militare della seconda guerra mondiale giapponese come la colonna sonora di accompagnamento per la sequenza del flashback ambientato nel 1945. Il signor Matsumoto era venuto a conoscenza di questo solo dopo la conclusione del doppiaggio dell’episodio. Tutto ciò finì per scatenare con Nishizaki un’accesa discussione telefonica protrattasi fino a tarda notte.
Poiché alcuni patrioti erano molto sensibili sul nome "Yamato", (ricordi di guerra, patriottismo, ritorno di fiamma etc etc) Matsumoto aveva insistito sul fatto che sarebbe stato necessario gestirlo con la massima attenzione. Durante la fase di pianificazione abbiamo parlato di come una persona più che ventenne avrebbe preso sul serio l’idea di una versione anime di fantascienza che portava il nome della nave e la relativa marcia tradizionale. Per qualcuno di quaranta sarebbe stato estremamente delicato finendo per rifiutarne l’idea. Mi chiedevo, e che dire di quelli sulla trentina? Matsumoto e io facevamo parte proprio di quest’ultima fascia d’età. Abbiamo capito entrambe le implicazioni morali e la nostra reazione è stata da qualche parte nel mezzo.
Guardando indietro, credo che la questione generazionale sia stata importante, e benché allora fossi in disaccordo con lui, ora mi guarda indietro con rammarico. Il signor Nishizaki aveva solo quattro o cinque anni più di noi, ma la differenza causata dalle esperienze della guerra, potrebbe avergli fatto sembrare la questione molte volte maggiore. La differenza nella nostra sensibilità (o esperienza) è stata, per così dire, la causa di questo problema.

Il signor Matsumoto avrebbe voluto fare una netta distinzione tra l'immagine dell'ex Yamato e quella SF che stavamo facendo. Anche se un flashback era inevitabile, l'aggiunta di una marcia da guerra era inconcepibile. D'altra parte, il signor Nishizaki aveva affermato che si trattava solo di una scena con una marcia di guerra. La differenza nella loro sensibilità non poteva essere superata, il litigio al telefono si interruppe dopo due ore senza una soluzione. Restavano solo 3 o 4 giorni prima della trasmissione.
"Se la passa liscia anche su questo, non ho altra scelta che andarmene ", brontolò Matsumoto.
Tuttavia la soluzione è venuta da un luogo inaspettato. Vi fu una riunione il giorno successivo. Come regista ho posto immediatamente la questione. L’argomento primo di una riunione è quella di parlare di modifiche nel programma. Quando questa è finita, la mano del signor Nishizaki si è alzata.
"Ho una domanda," ha detto. "Abbiamo aggiunto una marcia militare per episodio 2, ma non vogliamo dare l'impressione che stiamo facendo una storia sulla guerra mondiale. Decideremo se toglierla o meno in base alle risposte che darete qui. "
Ci sono stati quattro o cinque persone che hanno fatto cerchio stretto attorno a lui, tutti pallidi e rigidi. Anche il Sig. Nishizaki era serio e pensoso in viso, come se fosse in stato di shock. Uomini come lui che avevano sperimentato le atrocità della guerra e subito il successivo Trattato di Sicurezza imposto dagli USA durante la gioventù, non potevano non sentirsi a disagio ricordando la disfatta della Yamato e della stessa nazione. Ora tutto questo non poteva più essere tenuto nascosto e veniva finalmente a galla.
Ma poiché il tempo a nostra disposizione per la consegna dell’episodio si era già spinto al suo limite, non avevamo idea di che cosa aspettarci in questa situazione. Non sapevo se Matsumoto avesse parlato con Nishizaki sull' ipotesi di cambiare la musica anche dopo la duplicazione dei nastri ormai terminata. Tuttavia, una copia finita dell'episodio era già stata consegnata alla rete e l'unico modo per cambiare la situazione prima che fosse mandata in onda, era di ottenere un master del tutto nuovo e mandarla in qualche modo in tempo alla Yomiuri tv.
Alla fine, c'era solo un settore in Giappone, dove la marcia militare era stata trasmessa: nella prefettura di Niigata. Per motivi di traffico, la pellicola doveva essere spedita da Tokyo un giorno prima della scadenza. Per questo motivo, il nastro riveduto [senza la marcia] non poteva essere pronto in tempo per Niigata.
A Tokyo ci sono stati i fan che hanno detto "Sono sicuro che ho visto la scena con la marcia militare", il tutto ha cominciato a suonare come una storia di fantasmi. Ma di fatto, la stampa di Tokyo sul secondo episodio non ha inserito nulla. La voce è girata fin lì, ma se dovesse accadere oggi sarebbe tutto diverso, perché Yamato è ben noto a tutti e nessuno ha nulla da obbiettare.
Dopo quella riunione, il signor Nishizaki disse che sentiva come se stesse per svenire. Capisco adesso, ripensando a quell’episodio, che allora la questione sarebbe andata molto diversamente.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Yamato: Vota la tua produzione preferita.

Vota questo blog

classifiche

Riconoscimenti

In classifica
Pagine dal 06 Marzo 2010



Il numero massimo di utenti collegati in un giorno è stato di 96 il 03/02/2011.
Il numero massimo di pagine visitate in un giorno è stato di 406 il 21/07/2012.
Immagini totali visitate 55168.