Dedicato alla memoria di Yoshinobu Nishizaki

Matsumoto: ..a proposito di Yamato












In ultima analisi, due uomini sono responsabili della serie animata di Yamato.
Il primo concetto ha preso forma con il superproduttore Yoshinobu Nishizaki, ma senza l'influenza del maestro cantastorie e artista di manga Leiji Matsumoto, non sarebbe diventata la serie che ha conquistato i cuori e le menti di migliaia di persone in tutto il mondo.

Matsumoto ha rilasciato questa intervista sulla storia della Serie 1 nel 1974 in un numero della rivista Animage.

Intervistatore: Qual è stato il primo lavoro su Yamato?
Matsumoto: ho scritto un progetto per la storia il 21 maggio 1974, cinque mesi prima della trasmissione di ottobre.
Intervistatore: Quali personaggi hai creato?
Matsumoto: il progetto per la pianificazione per Yamato aveva già iniziato quando sono stato chiamato per disegnare, in quella particolare fase la Yamato era costituita da rocce. Starsha non era nella storia e la presenza delle donne in generale era molto blanda, così ho fatto di Yuki, Sasha e Starsha dei personaggi importanti.
Una delle caratteristiche dei mondi che ne traggo è che le donne svolgono un ruolo importante.
Niente di tutto quello che avevo trovato era stato di buon inizio per il mio lavoro, quindi ho iniziato fin da subito a rifare la storia. L'unica cosa che era rimasto era un nome: Iscandar.
Questo è stato l'invenzione dello scrittore Aritsune Toyota, così gli ho chiesto se potevo usarla.
Tutti gli altri sono stati modificati.
Ho messo del sentimento personale nella scelta dei nomi.
-Susumu (Derek Wildstar) è il nome di mio fratello minore.
-Yuki Mori (Nova Forrester) è stato derivato dal nome di una donna a cui scrivevo delle lettere ossia Miyuki Moriki.
All'inizio il nome che avevo pensato per Kodai il nome di  Hajime Oyama, ma è cambiato quando ho riscritto il primo episodio per la quarta volta, poi si stava trasformando in Susumu Okita e il capitano doveva chiamrsi Jyuzo Kodai.
Gamilas era una modifica del nome [Carmilla un servo vampiro di Dracula] e la parola 'morte' è stato il fondamento del nome Dessler.
Intervistatore: Come ti è arrivato l'invito ad essere un supervisore di Yamato?
Matsumoto: Questo è stato del tutto inatteso. La serie era già stata acquistata dalla Yomiuri TV quando sono arrivato io. Ora bisognava pensare alla storia. Il concetto a quel tempo era solo "Yamato va da qualche parte." Non ci sono dettagli sul perché la Yamato stava partendo per Iscandar. L'idea originaria del signor Nishizaki aveva i pianeti Iscandar e Rajendora. Iscandar l'ho lasciato, ma ho scelto Gamilas per l'altro.
Il capitano era stato nominato Mamoru Kodai e Yuki Mori era Yuki Moriki.
C'erano due analizzatori che si potevano unire in uno solo.
Anche Harlock era stato coinvolto in questa fase.
Shiro Sanada era Sasuke Sanada e doveva avere 40 anni.
Shima Daisuke era Jiro Daisuke, nome che invece venne dato al fratellino più piccolo di Daisuke.
Intervistatore: Hai creato tu stesso il design della Yamato?
Matsumoto: Sì. Ho fornito vari campioni di bozza agli artisti dello Studio Nue affinchè li esaminassero.
Il design di base è il mio.
Intervistatore: Nel concetto originale di Nishizaki, la Yamato è vista più come un sottomarino. Quando è stata trasformata in astronave da battaglia?
Matsumoto: Il concetto di una nave da guerra volante non è esattamente nuovo, era già presente in vari manga. Tuttavia, ho pensato che l’idea del signor Nishizaki di farne un’astronave andava bene. È stata progettata come una nave asteroide, però, io lo convinsi con diversi incontri, ad abbinare l'immagine della vecchia Yamato. Tutte le specifiche dell'originale versione dell'astronave erano nella mia testa, così non ho avuto bisogno di fare alcuna ricerca in sede di progettazione. Ho sostituito l'immagine della nave originale nella mia testa con quella della versione spaziale. Anche l’idea di rendere sferica la prua della nave è una mia idea, nessuno fino a quel momento ci aveva mai pensato, senza questo, non sarebbe stato possibile ideare il cannone ad onde moventi.
Intervistatore: E quale è stato il suo apporto alla storia?
Matsumoto: ho scritto un progetto che è diventato la base per la sceneggiatura finale e da quel punto in poi il signor Eiichi Yamamoto l’aveva divisa in 51 episodi prima che la serie fosse ridotta.


Intervistatore: Sembra che il piano era già in giro da un po '.
Matsumoto: Sì, io non ne sapevo nulla fino a quel momento, ma il piano originario era quello di far volare la nave all’interno di un asteroide, una pietra di grandi dimensioni realizzata all’esterno della nave, poi quando sono arrivato, mi hanno chiesto che cosa ne pensavo dell’idea di una Yamato in versione spaziale.
Intervistatore: Lei ha lavorato al progetto con molta attenzione.
Matsumoto: I nostri incontri a volte duravano oltre 10 ore, così ho pensato che tutti fossero molto, molto attenti. Inoltre, la Yamato stessa ha una sorta di tema che era in grado di causare equivoci. Abbiamo parlato molto su come rendere questa produzione completamente fantascentifica facendo tutto il possibile per non confonderla con una storia di stampo prettamente militare.
Intervistatore: Ho sentito che la personalità dei personaggi non erano coerenti tra i vari episodi.
Matsumoto: Questo perché ci sono stati molti membri dello staff a decidere. Voglio dire, oltre a me, al signor Nishizaki e Eiichi Yamamoto, tre di noi hanno deciso sulla personalità dei personaggi '. Poi Keisuke Fujikawa [lo sceneggiatore] si è unito a noi e noi tutti ci incitavano a vicenda ad andare in questo o in quel modo. Eravamo spesso in disaccordo sui personaggi e le incoerenze all’interno della serie sono state parecchie.
Penso che fu per quel motivo che si ha questa sensazione. E’stato il mio primo lavoro di animazione. E' stato come un esperimento per me, e mi ci sono imbattuto dentro senza rendermi conto di quello che stavo facendo.
In quei giorni ho voluto creare tutte le personalità dei personaggi principali, come Kodai nei primi tre episodi o giù di lì. Non so se l'idea fosse buona o cattiva.
Ora sto facendo un auto-esame mentre guardo di nuovo gli episodi. Ma sono molto felice che mi sia stata data fiducia per questo progetto. Apprezzo il fatto che mi è stata dato ad un ampio campo di azione.
E 'stata una buona educazione per me.
Intervistatore: Chi è l'autore originale di Yamato?
Matsumoto: Per essere precisi, è stato Nishizaki a guidare la pianificazione e la prima bozza, ma quando si tratta di dire chi ha inventato la storia, è allora che che la questione si fa un po' vaga. E 'stato fatto dalla commissione, forse? Quello che posso dire è, mi ricordo che ho creato la maggior parte delle storie di base e le idee per gli episodi, comprese le impostazioni e le modalità di scene di battaglia. Non ho dato le mie idee a malincuore, perché era un lavoro di gruppo.
Intervistatore: C'è stato qualcosa che rimpiange di non essere stato in grado di fare in Yamato?
Matsumoto: Penso che avremmo potuto presentare l'aspetto romantico della Yamato, il suo peso, il suo spirito di avventura romantica per i ragazzi.
Fortunatamente le grandi canzoni a tema e musica hanno compensato questo.
Non ero abbastanza soddisfatto di Starsha. Se avrò un'altra occasione di creare un personaggio come lei, cercherò di gestirla meglio.
Voglio creare un forte e attivo personaggio femminile.

Intervistatore: Ho sentito che voleva più tempo prima della partenza effettiva della Yamato dalla Terra.
Matsumoto: Sì. Nei nostri piani, il decollo sarebbe dovuto avvenire nell’ Episode 6 o giù di lì, ma ci è stato richiesto di accelerare i tempi, così abbiamo dovuto rigirare la storia. La nostra idea originale non era così. Abbiamo pensato a Yamato come un esempio di spettacolo per padri e figli che potessero guardare insieme, così ho voluto disegnare la scena del luogo del primo decollo dellaYamato più attentamente, ma non sono soddisfatto della direzione di quella scena, ero troppo inesperto. Volevo che la prima apparizione della Yamato fosse stata più spettacolare e gloriosa.
Intervistatore: Il piano iniziale era di 39 episodi, diviso in tre archi.
Matsumoto: Penso che la storia sarebbe stata perfetta se sviscerata così a lungo, ma sarei stato completamente esaurito [alla fine della serie].
Intervistatore: Che cosa ci dice circa Capitan Harlock?
Matsumoto: Era un personaggio che avevo in programma di introdurre se ci avessero lasciato fare tutti i 39 episodi, ma abbiamo dovuto tagliare perché non abbiamo avuto abbastanza tempo quando la serie è stata ridotta a 26. Harlock è il mio personaggio preferito. Ho creato lui per primo quando ero uno studente delle superiori.
Intervistatore: Come è stata la risposta da parte del pubblico femminile?
Matsumoto: ho ricevuto un mucchio di lettere, ma io non sono molto bravo come corrispondente, così ho scritto solo poche risposte. Abbiamo avuto la vaga nozione di "se facciamo questo, ti rispondono così," ma abbiamo intenzionalmente reso lo spettacolo per i padri e figli, così, per dire il vero è stato molto sorprendente che molte ragazze abbiano guardato Yamato con entusiasmo.
Intervistatore: Sembra che gli spettatori pensano al personaggio principale, come ad un fratello maggiore.
Matsumoto: Ciò significa che il personaggio è accettato come un essere vivente, quindi sono molto contento. Lui è solo un personaggio dei fumetti, immagini tratte su celluloide. Questo dimostra però l'importanza di una pianificazione di carattere e il modo di dirigerli come se fossero persone reali.
Intervistatore: Dopo Yamato vorrebbe ancora dirigere anime?
Matsumoto: Sì. Anche se a dire il vero, l'esperienza non è stata delle più facili, ma è stata una grande opportunità per guadagnare quelle esperienze che sono per altro insostituibili, ho sentito la mia inesperienza con tutto il cuore. A dire il vero, fare un film "manga" (non è stato chiamato anime in quei giorni) è stato sempre il mio obiettivo principale. Ma le questioni di bilancio e di studio mi hanno impedito di farlo, così ho scelto di disegnare manga. Quando sono entrato a Tokyo, ci fu una società, la Nippon Animation, che stava facendo Mitsubachi Maya [l'ape Maya ]. Forse per una sorta di errore, hanno cercato di reclutare me. Se mi fossi unito a loro, avrei dovuto fare un anime completamente diverso da quella che è la mia visione. Così ho rifiutato e ho deciso di prendere questa posizione, volevo fare solo anime che mi sarebbero andati bene.
Intervistatore: Così voleva fare i film manga, ma ha scelto la via della pubblicazione di manga.
Matsumoto: Sì. Mi piace disegnare manga, con tutti i mezzi. Così ho disegnato manga su carta e aspiravo a fare film manga allo stesso tempo. Quindi era inevitabile ispirarsi alla Disney o Fleischer, ma per fortuna ho visto anche l'animazione dell'Unione Sovietica quando vivevo a Kyushu. Non ero prevenuto, e ho potuto vedere una grande varietà di stili di animazione. Sembra che io sia stato molto fortunato.
Non vorrei fare solo fantascienza, ma anche un anime che racconti una pacifica fiaba come Mitsubachi Maya. In generale, il mio sogno è quello di realizzare una Maya direttamente dalla mia mano, con il mio stile e sensibilità. Sono stato veramente attratto dalla serie quando ha cominciato in TV, e pensai: "Voglio fare anche questo." La storia originale [un libro per bambini] ha riempito la mia mente con belle immagini, e ho voluto perfettamente visualizzare il mondo di un insetto a modo mio.




Nessun commento:

Posta un commento

Yamato: Vota la tua produzione preferita.

Vota questo blog

classifiche

Riconoscimenti

In classifica
Pagine dal 06 Marzo 2010



Il numero massimo di utenti collegati in un giorno è stato di 96 il 03/02/2011.
Il numero massimo di pagine visitate in un giorno è stato di 406 il 21/07/2012.
Immagini totali visitate 55168.